Dintorni

L’antica Dimora Fontemaggio B&B è situata a Cossignano, l’ombelico del Piceno, nella zona più a sud della costa adriatica marchigiana, a pochissimi chilometri da Grottammare, la Perla dell’Adriatico, da San Benedetto del Tronto, il capoluogo della Riviera delle Palme, da Ascoli Piceno, da un’infinità di borghi storici e caratteristici di origine romana e medioevale e dal Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Il territorio ed il panorama che fanno da cornice alla Dimora Fontemaggio è quello tipico delle colline del sud delle Marche: lungo i dolci pendii che tendono verso il mare si distende una rigogliosa vegetazione, sia spontanea che frutto della fiorente coltivazione di prodotti tipici (sono innumerevoli ad esempio, i vitigni famosi coltivati in questa zona). Guardando a ovest sembra di poter toccare l’Appennino, la catena montuosa dei Sibillini, i Monti della Laga, i cui picchi vanno oltre i 2000 m e nelle giornate più terse, è possibile anche scorgere il profilo del maestoso Gran Sasso. Percorrendo le verdi e tranquille strade del territorio, capita di fermarsi ad ammirare la spettacolare e unica visione dei “calanchi”, formazioni geomorfologiche dall’aspetto quasi “lunare”, frutto dell’erosione della specifica struttura argillosa del territorio.

La sua collocazione è dunque una garanzia di spazi naturali incontaminati, in cui godere vacanze o brevi soggiorni in totale relax, ma l’antica Dimora Fontemaggio è anche il comodo punto di partenza per brevi escursioni di carattere eno-gastronomico, che vi permetteranno di assaggiare gli squisiti piatti tipici e scegliere tra la grande varietà di genuini prodotti locali.

Dal B&B Fontemaggio è facile raggiungere le località balneari di Cupra Marittima e Grottammare, dove si può scegliere tra spiagge incontaminate e più isolate o stabilimenti balneari dotati di tutti i servizi e a dimensione di famiglia, oppure quelle di San Benedetto del Tronto in cui è possibile tuffarsi in un atmosfera allegra e animata in tutte le stagioni, o nella “movida” serale.

Tra gli innumerevoli centri storici che caratterizzano i dintorni, segnaliamo Ascoli Piceno, città d’arte di origine romana, che ospita numerosi musei, il borgo medievale di Grottammare, per godere anche di un panorama memorabile, il centro storico di Offida, patria del merletto a tombolo, Castignano e in esso Templaria, il festival medievale più famoso d’Italia, il borgo storico di Castel Trosino e la vicinissima Ripatransone con il suo “vicolo più stretto d’Italia”.

Con passeggiate leggermente più lunghe è possibile raggiungere il Parco Nazionale del Gran Sasso, i monti della Laga, le Grotte di Frasassi, Ancona, Loreto, Mondavio, il castello di Gradara e Urbino.

Nei dintorni è possibile visitare: Ascoli Piceno, Grottammare, San Benedetto del Tronto, Castel Trosino, Offida, Ripatransone, Quintana, Templaria Festival, Carnevale storico piceno, Mercatino Antiquariato, Turismo Marche.

 Itinerari delle Marche per scoprire la regione, un territorio ricco di meraviglie architettoniche, tesori d’arte e paesaggi naturalistici d’incanto.

Le Marche vantano ben due parchi nazionali, quattro parchi regionali e sei riserve naturali. Il più importante è il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, incastonato a cavallo con l’Umbria, da cui svetta il Monte Vettore. Sulla pendice nord del Monte, a 1941 metri di altezza, si trova il Lago di Pilato. Molti gli elementi medievali ancora presenti tra le pendici dei Monti Sibillini: abbazie, case, fortezze, testimoniano ancora oggi il passaggio dei monaci benedettini tra i borghi come Montemonaco.

Straordinario sistema di spelonche carsiche tra le più famose d’Italia, le Grotte di Frasassi si trovano all’interno del Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, nel comune di Genga. Una meraviglia naturale in cui sono presenti stalagmiti e stalattiti formatesi a seguito di stratificazioni calcaree di milioni di anni. Da ammirare “in superficie” la cittadina di Genga in cui svetta impetuoso il Castello medievale, dalle origini romantiche e misteriose.

 Se sei dalle parti di Ascoli Piceno non puoi perderti dal 10 al 20 agosto l’Ascoliva Festival, la sagra delle famose olive ascolane. Durante il festival si tengono dibattiti, incontri, degustazioni all’insegna delle olive verdi ripiene di carne e fritte.

Le olive vengono messe prima in salamoia, poi vengono farcite con carne di manzo e poi ricomposte, impanate e fritte. Oltre alle famose specialità di Ascoli, è possibile assaporare i piatti della tradizione marchigiana nei vari stand. Anche in questo caso non mancherà il miglior vino locale. Sarà un’occasione anche per le aziende locali di prodotti enogastronomici per confrontarsi con il pubblico e per esporre i migliori prodotti.

Acquaviva Picena, Ascoli Piceno

Immerso nella magnifica Valle del Tronto, il borgo collinare è famoso per i reperti preistorici e la rocca medievale, tra gli esempi più interessanti nelle Marche. Da vedere la Chiesa Matrice di San Nicolò.

 

Gradara, Pesaro-Urbino

Situato nell’entroterra della riviera marchigiano-romagnola, la cittadina, che gode di una splendida vista panoramica, lega la sua fama al Castello Malatestiano. Nella celebre rocca si consumò la vicenda di Paolo e Francesca, cantata nell’Inferno dantesco.

 

Sarnano, Macerata

Famosa meta invernale, la cittadina ha origini antichissime: fu donata come feudo ai veterani di Augusto. Tra i siti di maggior interesse il Lago di Pilato e le Gole dell’Infernaccio. Oltre al centro medievale, si segnalano le terme, alimentate da tre delle sorgenti d’acqua di cui abbonda il territorio.

 

 

 

Leggi anche

News ed
Eventi

le ultime news riguardanti turismo ed eventi a disposizione degli ospiti del Bed and Breakfast Dimora Fontemaggio a Cossignano